Uno dei presupposti di base oggi riguardanti l’ultima emergenza sanitaria e medica, questo Coronavirus, è che sia molto rilevante e che ricordi la peste nera del XII e XIII secolo. Durante il primo medioevo l’igiene personale era quasi inesistente, i servizi igienici non ce n’erano, e la stretta vicinanza delle persone nei villaggi e nelle città, come Londra e Parigi, rendeva la peste nera una piaga così virulenta e mortale.

La somiglianza tra il Coronavirus e la peste nera è troppo inquietante per non essere ignorata. La causa della peste nera erano i topi e le fughe che attiravano. Sappiamo da tempo che gli animali sono incubatrici di germi e malattie portatrici di insetti. La peste del 13 ° secolo è ancora una delle pandemie più mortali della storia, uccidendo più di 200 milioni di persone in tutto il mondo.

Oggi ci troviamo di fronte a una minaccia simile per l’umanità. Sia la Morte Nera che questo Coronavirus sono molto contagiosi, entrambi infettano il sistema immunitario, entrambi prendono di mira gli organi respiratori, entrambi originati da animali, ed entrambi originati dalla Cina. Ma, a differenza del Medioevo, per la maggior parte l’igiene personale è più attenta alla salute e l’igiene è in vigore in tutte le nazioni industrializzate, inclusa la Cina. Sfortunatamente, anche se milioni vivono ancora in stretta vicinanza l’uno con l’altro. E come nel 13 ° secolo le persone erano molto mobili. Oggi, sebbene la mobilità delle persone sia più rapida, il che rende la trasmissione del virus un problema sanitario così importante.

Quel vecchio detto che sei nato con un cucchiaio d’argento in bocca ha rilevanza non solo dal XIII secolo ma anche oggi. Nel XIII secolo la nobiltà aveva accesso a vera argenteria e spesso mangiava piatti d’argento che contribuivano a proteggerli dalla peste. Hanno anche potuto vivere ed evitare le aree povere e popolate di città e villaggi. Inoltre erano a conoscenza di metodi di igiene un po ‘migliori.

Oggi, ciò che i media e gli operatori sanitari non ci dicono è che l’argento ha funzionato nel Medioevo. Ecco perché l’argento colloidale in piccole quantità aiuterà il sistema immunitario e proteggerà molti dal soccombere a questo ultimo virus. Esistono altri rimedi naturali che sono efficaci nel fornire aiuto nella protezione e protezione dalle infezioni. Eppure i professionisti del settore medico tengono il pubblico all’oscuro di ciò che possiamo fare per proteggerci senza che la cosiddetta industria medica e farmaceutica ci dica cosa può funzionare

Abbiamo a disposizione in molte parti del paese i mezzi per insegnare l’esposizione a questa nuova minaccia per la salute. Purtroppo però l’hype dei media per molti aspetti ha spaventato il pubblico. Questo invece di istruire tutti sulle procedure corrette per diminuire le possibilità di entrare in contatto con una persona infetta. Ciò che i media stanno facendo continuamente non è informare il pubblico sui passi necessari per ridurre al minimo anche il raffreddore o l’influenza noti per essere pericolosi per i più piccoli, i nostri anziani e coloro che hanno problemi di salute attuali.

Le quarantene sono misure efficaci per isolare le persone infette e coloro che sono entrati in contatto con persone infette ma il virus si sta ancora diffondendo. Non vediamo l’ora che la comunità medica abbia un vaccino costoso. Dobbiamo essere educati come società nella disponibilità di altri metodi per evitare di essere infettati. E, se siamo infetti, dobbiamo essere istruiti su ciò che funziona come l’Argento Colloidale o le erbe naturali come il Bupleurum Chinese. Questa è una pianta che ha anticorpi naturali che annullerebbero gli effetti della polmonite e di questo Coronavirus. In questo modo la nostra società potrà resistere a quest’ultima emergenza sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *