Esistono molti modi per trattare la fascite plantare. L’utilizzo di una stecca notturna è un metodo molto popolare per trattare il dolore derivante dalla fascite plantare. Questi tutori notturni o stecche notturne sono realizzati per mantenere il piede a un angolo di 90 gradi. Ciò mantiene il muscolo del polpaccio in una posizione allungata in modo che non si contragga durante la notte. Il dolore che si avverte quando ci si alza da una posizione di riposo è causato dal muscolo del polpaccio che si allunga indietro da una posizione contratta. Quindi, quando si utilizza il tutore e si mantiene il muscolo in una posizione allungata, ci sarà un dolore minimo o nullo quando ci si alza da una posizione di riposo poiché il muscolo sarà già in una posizione allungata.

Sono disponibili diversi tipi di stecche. Si va da un tutore rigido rimovibile a qualcosa di semplice come un calzino. Ci sono vantaggi e svantaggi per ciascuno.

Un tutore notturno come il Pro-Tech o lo Swede-O Night Splint sono tutori di tipo meccanico che avvolgono il piede e la parte inferiore della gamba. Questi tipi di steccobende sono molto popolari. La cosa buona di questi tipi di tutori è che sono molto robusti e funzionano bene per mantenere il piede in posizione, non importa quanto ti muovi mentre dormi. Tuttavia, il tutore potrebbe disturbare qualcuno mentre cerca di dormire con esso.

C’è un’altra classe di tutori notturni che sono un po ‘meno meccanici e ingombranti. Sarebbe paragonabile ad avvolgere una fasciatura pesante attorno al piede. Sarebbe molto più comodo dormire con questo. E con alcuni di loro potresti persino camminare, anche se camminando in modo limitato. In questa classe prenderei in considerazione il tutore notturno di supporto Futuro Sleep e lo splint Thermoskin.

La terza classe di stecche notturne per la fascite plantare sono quelle simili a una benda leggera o un calzino. Il migliore in questa classe sarebbe il calzino di Strassburg. Questo è un semplice calzino lavorato a maglia che allunga il polpaccio fino al ginocchio. C’è un cinturino che si collega all’esterno della calza, dal ginocchio alle dita dei piedi. Inoltre tira leggermente le dita dei piedi verso l’alto. Questo tipo è il più comodo in cui riposare. L’altro vantaggio di questo tipo di stecca notturna per fascite plantare è che la caviglia non è bloccata in posizione come con il tipo più meccanico di tutore. Questo tipo di tutore notturno per fascite plantare è il tipo che raccomando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *