I tarocchi (noti anche come Tarock, Tarokk, Taroky, Taroc, Tarok, Tarocchi e nomi simili) sono una famiglia di giochi di carte che prendono in giro giocati con un mazzo allargato di 78 carte che includono una carta di corte extra per ciascuno dei quattro semi regolari, un seme di briscola permanente di 21 carte e una sorta di “jolly” chiamato “il Matto” o “Scusa”. Sebbene visto principalmente da molti come un mezzo per predire il futuro o divinazione, il mazzo dei Tarocchi fu creato nel nord Italia durante il XV secolo per i giochi di carte. La nozione di seme di briscola che sopravvive in giochi di carte popolari come Spades and Hearts ha avuto origine con il gioco dei Tarocchi.

Il mito delle origini egizie dei Tarocchi, sebbene una volta comune, è stato a lungo sfatato dagli studiosi successivi. Non vi è nemmeno traccia di carte dei Tarocchi utilizzate per l’occulto o la divinazione prima del XVIII secolo. Le letture delle carte dei Tarocchi popolari alle Fiere del Rinascimento sono una licenza creativa presa con fatti storici e non dovrebbero essere viste come autentiche. Contrariamente alla credenza popolare, le carte da gioco convenzionali non derivano dai mazzi di Tarocchi e il Matto non è correlato al Joker delle carte da gioco convenzionali. Il Joker è stato creato negli Stati Uniti nel XIX secolo originariamente per il gioco di carte Euchre.

Tarocchi

Esistono due tipi di mazzo di tarocchi.

I Tarocchi Italiani

Il tradizionale mazzo italiano di monete, coppe, spade e bastoni a semi è attualmente preferito da coloro che usano i Tarocchi per la divinazione, sebbene in alcuni paesi come l’Italia e la Svizzera tali mazzi siano ancora utilizzati per il gioco. Coloro che praticano la divinazione dei Tarocchi spesso chiamano le monete “pentacoli” e i bastoni “bacchette”. Con poche eccezioni, le scene di briscola dei Tarocchi a seme italiano differiscono poco da mazzo a mazzo e sono spesso viste dai lettori di Tarocchi come contenenti un significato simbolico. Le raffigurazioni di una Papessa (II) e di un Papa (V) sui Tarocchi semi italiani sono state controverse in alcune aree. In Svizzera, queste immagini sono state sostituite da raffigurazioni di Giunone (II) e Giove (V). A Bologna, in Italia, le figure papali insieme all’Imperatrice (III) e all’Imperatore (IV) furono sostituite da quattro figure moresche che non sono numerate e fungono da trionfi di pari rango nella varietà bolognese dei Tarocchi. Il sistema dei semi italiano o spagnolo non è limitato alle carte dei Tarocchi. Questo sistema di semi è un modello regionale comune delle carte da gioco convenzionali nell’Europa meridionale e in America Latina.

I tarocchi francesi

Il mazzo più moderno che utilizza semi francesi o internazionali di quadri, cuori, picche e fiori è ora utilizzato in paesi come Francia e Austria per il gioco. In Francia e nel sud della Germania, i numeri romani sono stati abbandonati a favore dei numeri arabi, mentre in alcuni paesi come l’Austria vengono ancora utilizzati i numeri romani. Le immagini vincenti dei Tarocchi francesi in costume raffigurano spesso scene arbitrarie di persone al lavoro e in gioco, animali sia reali che mitologici e paesaggi di luoghi regionali. In alcune regioni, come l’Austria e la Germania meridionale, il mazzo viene ridotto a 54 carte rimuovendo le carte non di grado più basso. A differenza dei mazzi a semi italiani, c’è una grande varietà di immagini sulle carte vincenti dei Tarocchi a semi francesi. Sui mazzi di tarocchi francesi, il Matto è spesso raffigurato come un musicista, un arlecchino o qualche altro tipo di intrattenitore. I Tarocchi francesi a seme sono usati raramente per la divinazione.

Regole di gioco comuni

In ogni presa, i giocatori devono seguire l’esempio, se possibile. Se non è possibile seguire il seme, deve essere giocata una carta vincente. Se i giocatori sono nulli nel seme giocato e sono nulli anche nelle atout, allora si può giocare qualsiasi carta. Il vincitore di una presa guida quella successiva.

C’è una notevole variazione su come viene usato il Matto o la Scusa. In paesi come Francia e Italia, il Matto è un “jolly” che può essere giocato a qualsiasi trucco per evitare di dover seguire l’esempio mentre in alcune regioni come l’Austria e la Germania meridionale, il Matto è semplicemente l’asso nella manica.

Molti giochi di Tarocchi moderni incorporano le offerte per determinare chi diventerà l’acquirente e giocherà da solo contro gli altri giocatori. In alcuni giochi di carte dei Tarocchi con quattro o più giocatori, l’acquirente chiama un re o un briscola di alto rango per scegliere un partner la cui identità rimane segreta fino a quando non viene giocata la carta chiamata.

I valori delle carte dove “n” è spesso uguale a 1, 2, 3 o 4 a seconda del tipo di gioco che si sta giocando sono dati come segue:

Trump XXI (21), Trump I (1), The Excuse or Fool, e i 4 re valgono 4 + 1 / n ciascuno

Le 4 regine valgono 3 + 1 / n ciascuna

I 4 cavalieri o cavalieri valgono 2 + 1 / n ciascuno

I 4 jack valgono 1 + 1 / n ciascuno

Tutte le altre carte valgono 1 / n ciascuna

Il solito obiettivo dei giochi di carte dei Tarocchi è quello di ottenere il maggior numero di punti insieme a qualsiasi altro punto bonus che potrebbe essere disponibile a seconda della variante regionale che si sta giocando.

Lettura e divinazione dei tarocchi

Sebbene originariamente progettati per il gioco delle carte, i Tarocchi sono comunemente visti da molti come uno strumento di divinazione, specialmente nelle regioni in cui i giochi di carte dei Tarocchi rimangono in gran parte sconosciuti. Numerosi sono i mazzi pubblicati oggigiorno dedicati a scopi divinatori. Il mazzo più noto progettato per la divinazione o per “acquisire intuizioni” è il Tarocco Rider Waite Smith.

Per usare le carte per la divinazione, le si dispone in uno schema. Tali modelli, solitamente a forma di croce, sono noti come “lanci” o “spread”. Il “richiedente”, cioè quello che cerca la lettura dei Tarocchi, mescola il mazzo e pone una domanda al lettore di carte. La domanda potrebbe essere di tipo “sì” o “no” o di natura più generale. Il lettore dispone le carte nella diffusione della scelta e presumibilmente tenta di rispondere alla domanda utilizzando le carte come guida. L’interpretazione divinatoria di una carta dei Tarocchi dipende spesso dal fatto che la direzione della carta sia verticale o invertita o dalla sua giustapposizione con altre carte. A volte vengono utilizzate solo 22 carte del mazzo dei Tarocchi. Queste carte, chiamate “Arcani Maggiori” dai lettori di Tarocchi, includono i 21 trionfi e il Matto. Le restanti 56 carte sono chiamate “Arcani Minori”.

Non tutti i lettori di Tarocchi si definiscono “indovini” quando affermano di non utilizzare tecnicamente le carte per scopi predittivi. Negli ultimi anni le interpretazioni “psicologiche”, piuttosto che quelle paranormali, hanno governato il contesto in cui si vedono molte letture dei Tarocchi. Si dice che tali letture dei Tarocchi abbiano un carattere “introspettivo” e non facciano affermazioni soprannaturali o profetiche. La lettura delle carte dei tarocchi è diventata di recente popolare in alcuni ambienti come strumento di brainstorming negli sforzi per aumentare la propria creatività. Tuttavia, va notato che non ci sono prove empiriche di alcun fenomeno psichico o di alcun beneficio terapeutico della lettura delle carte dei Tarocchi.

Jim Wickson 2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *