Le pandemie nella storia umana si traducono sempre in problemi indicibili e talvolta senza precedenti che avrebbero bisogno di grandi pensatori per offrire soluzioni. I ricercatori sono opportunisti positivi che non cedono i loro sforzi nell’indagare continuamente il “cosa”, “quando”, “chi” e “come” di ogni situazione solo per portare sollievo all’umanità. Nell’attuale epidemia, i ricercatori nelle diverse discipline devono pensare a come offrire una nuova lente di comprensione per l’epidemia e, cosa più importante, offrire soluzioni urgenti alle sfide associate che minacciano le strutture umane per la sopravvivenza.

Dallo scoppio della pandemia globale COVID-19, gli studiosi nel campo della salute e delle scienze affini hanno iniziato a indagare su eziologia, epidemiologia, fisiopatologia, istopatologia, valutazione clinica / trattamento / gestione e diagnosi del COVID-19. Un’indagine sui lavori accademici in questo campo mostra grandi contributi di ricercatori asiatici, in particolare dalla Cina, dove è iniziata l’epidemia. Questi laboriosi ricercatori non hanno mai ceduto i loro sforzi per indagare sul piano medico cosa si dovrebbe fare per combattere il virus. Questi straordinari ricercatori hanno continuato a perseguire questa strada anche in condizioni di lavoro pericolose che hanno portato alla perdita di alcuni. Hanno veramente dimostrato e mostrato ciò che i ricercatori devono fare tutto il tempo nella costante ricerca di soluzioni per alleviare il dolore dei loro simili anche in tempi di pandemia. Tuttavia, i colleghi di altri paesi devono fare di più. È necessario che gli scienziati medici studino la sequenza del genoma del nuovo coronavirus in diverse regioni del mondo. È interessante notare che altri studiosi nel campo della medicina stanno indagando alacremente questo fenomeno per informare consapevolmente sul coronavirus, suggerendo misure preventive e, soprattutto, trovando cure mediche e vaccini per combatterlo completamente. Ad esempio, mentre gli scienziati medici cercano attraverso le lenti della medicina ortodossa, gli erboristi stanno sperimentando modi di utilizzare estratti di erbe nella produzione di medicinali che possono rafforzare il sistema immunitario e / o fornire un forte tampone immunitario per combattere il coronavirus. Questi sforzi sono lodevoli. Deve essere fatto più lavoro nella ricerca di mezzi più efficienti per condurre test sui pazienti COVID-19, eseguire la ricerca dei contatti e misure precauzionali / preventive per il coronavirus.

I ricercatori nel campo dell’ingegneria, in particolare dell’ingegneria informatica e meccanica, stanno mettendo a punto tecnologie per aiutare a mitigare la diffusione del COVID-19. Tecnologie digitali come droni e robocop sono state progettate e utilizzate in alcuni paesi, per riassumere, l’applicazione manuale dei blocchi. Allo stesso modo, sono in fase di progettazione tecnologie mobili come lo sviluppo di nuove app per il tracciamento dei contatti dei pazienti del COVID-19 e di coloro che hanno avuto contatti con loro. Ad esempio, i ricercatori del MIT stanno sviluppando un sistema basato sull’intelligenza artificiale per completare il tracciamento manuale dei contatti effettuato dal personale della sanità pubblica che si basa su segnali Bluetooth a corto raggio dagli smartphone. In Sud Africa, le ambulanze dotate di kit di test automatizzati e servizi di laboratorio progettati come risultato di diligenti sforzi nella ricerca vengono utilizzate per testare e monitorare le persone con il COVID-19 anche in aree remote e difficili da raggiungere. In Ghana, il Ministero della Salute ha recentemente lanciato l’app COVID-19 per rintracciare persone infette o che hanno avuto contatti con portatori del virus COVID-19. Queste tecnologie sviluppate come risultato di studi rigorosi da parte di alcuni ingegneri meccanici, nonché ingegneri hardware e software di computer vengono utilizzate per aiutare nella lotta contro il COVID-19. Sono ancora necessari strumenti più tecnologici per combattere il coronavirus e ricercatori dedicati nel campo dell’ingegneria sono costantemente al tavolo per indagare su queste potenzialità.

I ricercatori in agricoltura hanno un grande compito di ricerca in magazzino per loro. Il blocco ha determinato un record elevato di perdite post-raccolta nei paesi. Quali sono i modi efficaci per mitigare le perdite post-raccolta durante i periodi di pandemia e blocchi? In che modo gli agricoltori possono utilizzare le strategie e le piattaforme di marketing online per connettersi ai clienti e proteggere i loro prodotti per evitare che subiscano perdite finanziarie elevate? Cosa può fare il ministero dell’alimentazione e dell’agricoltura per aiutare questi poveri agricoltori a gestire la crisi dei blocchi? Quali sono alcuni dei modi efficienti in cui i prodotti agricoli deperibili potrebbero essere trasformati in prodotti non deperibili dalle aziende di produzione alimentare? Questi sono temi eccellenti che meritano un’indagine da parte degli agricoltori durante questa epidemia di pandemia. Purtroppo, gli studi in queste aree devono ancora essere intrapresi.

Il settore della gestione del turismo e dell’ospitalità è stato gravemente colpito a causa della pandemia COVID-19. Molti tour programmati e attività turistiche sono stati cancellati a causa di divieti di viaggio e blocchi. Si stima che il settore del turismo a livello globale perderà entrate elevate fino a un valore di quasi due miliardi di dollari. Questo è il momento in cui i ricercatori nella gestione del turismo e dell’ospitalità potrebbero prendere in considerazione mezzi virtuali per commercializzare questi siti turistici attraverso una ricerca intensificata sul turismo intelligente e sull’e-turismo. Questo settore in crescita del turismo non ha ricevuto molta attenzione, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Questo periodo di pandemia dovrebbe essere il momento in cui i ricercatori in questo campo troverebbero modi per aumentare la consapevolezza pubblica del turismo intelligente e dell’e-turismo.

Gli studiosi di scienze umane e sociali come sociologi, antropologi e culturisti hanno il compito di indagare sugli impatti sociologici dell’epidemia di COVID-19, come i modi per affrontare l’ansia sociale a seguito della pandemia. Inoltre, una valutazione degli impatti economici del COVID-19 sulle attività aziendali, la necessità di intraprendere e-business, e-marketing, e-banking e altre forme elettroniche di svolgimento delle attività aziendali sono argomenti importanti che devono essere esplorati. Gli antropologi sociali e culturali dovrebbero esaminare le percezioni culturali e sociali delle diverse persone nelle regioni del mondo sul coronavirus e raccomandare l’applicazione di interventi culturalmente rilevanti per combattere la diffusione della pandemia COVID-19. Allo stesso modo, psicologi e psichiatri devono suggerire modi per affrontare i disturbi post-traumatici dalla quarantena, nonché la stigmatizzazione e la discriminazione nei confronti dei pazienti COVID-19 e dei loro parenti.

Inoltre, questo è il momento in cui i tecnologi dell’educazione escogitano modi proattivi per intraprendere l’istruzione online attraverso varie forme di sistemi di gestione dell’apprendimento, sistemi di tutoraggio intelligenti e piattaforme di social media. Gli artisti devono produrre in modo creativo cartoni animati e altre forme di segni in formato elettronico da promuovere online nella lotta contro i miti e la disinformazione che circondano il trattamento del COVID-19 e la necessità di eliminare tutte le forme di stigmatizzazione e discriminazione nei confronti delle persone sottoposte a test per COVID-19. Naturalmente, questo è il momento in cui i ricercatori in tutti i campi di studio devono collaborare per indagare sui mezzi pluralistici per combattere la pandemia globale COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *